Home Page La Sicilia in Rete! in english
cerca in:
Agrigento | Caltanissetta | Catania | Enna | Messina | Palermo | Ragusa | Siracusa | Trapani | Tutte le città | Links utili

La Sicilia

TURISMO
Hotels
Agriturismo
Bed and Breakfast
Case Vacanza
Ville
Camping
Villaggi
Ristoranti

Acquista Casa in Sicilia
Lavoro in Sicilia

Presentazione
Geografia
Economia
Storia
Arte
Musei
Gastronomia
Feste e Sagre
Fotografie
Cartoline
Video
Meteo
Mappe

News e Articoli
Eventi e Appuntamenti
Il Cinema in Sicilia

Aziende ed Economia
Olio di Sicilia
Vino di Sicilia
Prodotti Tipici

Le 9 province

Agrigento
Caltanissetta
Catania
Enna
Messina
Palermo
Ragusa
Siracusa
Trapani
Tutte le città

LINKS UTILI

 

STORIA DELLA SICILIA
pre-ellenica greca romana medievale normanna
Svevi e Angioini aragonese moderna contemporanea statuto
XIV sec. a. C. Il Mediterraneo č un mare cruciale per la storia degli uomini: sulle sue coste si affollano i popoli "come rane attorno a uno stagno", secondo le parole di Platone. La Sicilia occupa il centro di questo mare ed č naturalmente il crocevia di molte civiltā e culture. Viene raggiunta, nell'antichitā, da navigatori provenienti da Oriente: assai probabilmente alcuni episodi dell'Odissea, grande raccolta di saghe marinaresche, devono essere collocati in una Sicilia trasfigurata dal mito e dalla poesia. Lo storico greco Dionigi di Alicarnasso, molto pertinentemente, narra di antiche spedizioni marittime che dall'Oriente si dirigevano verso la Penisola e la Sicilia. Prove pių concrete offre l'archeologia. Tracce di visitazioni micenee, infatti, sono state ritrovate a Thapsos, Panarea (cocci iscritti in Lineare B, l'alfabeto sillabico miceneo): l'isola sembra essere tappa commerciale per le flotte micenee.
1270-650 Tarda etā del bronzo: significativi i ritrovamenti della necropoli di Pantalica (5000 tombe) e in quella di Cassibile. L'arrivo degli Elleni sembra apportare l'uso del ferro e una migliore civiltā materiale.
Lo storico ateniese Tucidide (VI 1-5) ci offre notizie della Sicilia antichissima: oltre a una storia della colonizzazione greca egli tratta delle popolazioni non greche e indigene: i Siculi, abitanti nella parte orientale e centro-meridionale, e i Sicani, che occupavano la parte occidentale dell'isola. I primi abitavano l'entroterra alle spalle di Siracusa, di Gela (risiedono, ancora nel V sec. a Menainon, forse l'odierna Mineo in provincia di Siracusa), l'area sacrale del lago degli dei Pālici (lago Naftia, nei pressi dell'odierna Palagonia) e la cittā di Morgantina. L'origine dei Siculi č forse da ricercare nella penisola, dato che molti indizi li riconnettono con la civiltā appenninica continentale. I Sicani sembrano essere una popolazione non indoeuropea, di probabile origine iberica: l'affinitā del loro nome con quello dei Siculi č cosa ancora non bene spiegata.
Il popolo degli Elimi, i fondatori di Erice e Segesta, sembra appartenere all'antica famiglia di popolazioni mediterranee e preindoeuropee. Diversi indizi ci rivelano contatti con l'Oriente (culto di Afrodite ericina) e una rapida ellenizzazione di questo popolo (tempio dorico di Segesta).
I Fenici di Cartagine si stanziano a Solunto, Panormo (l'odierna Palermo) e Mozia nell'area nord-occidentale, dove pių tardi sorge la fortezza di Lilibeo (l'odierma Marsala), piazzaforte imprendibile e fulcro della potenza militare cartaginese.

acquista
buy on line
Michelin Green
Guide of Sicily

:: in italiano ::

:: in english ::

 


Note legali, Cookie Policy e Privacy - Realizzazione: Studio Scivoletto